Games and the City

Vita a Los Angeles, videogiochi e tante altre cose che non c'entrano niente

15 maggio 2008

Anche noi come il Massachusetts!


Gavin Newsom potrà forse non essere il miglior sindaco che San Francisco abbia avuto, ma di sicuro resterà nella storia della città per un paio di particolari. Il primo è che è un gran bel pezzo di sindaco (la foto l'ho scattata io lunedì a un evento stampa, ma per un'occhiata più ravvicinata guardate qui). Il secondo motivo è che nel 2004 si è lanciato in una campagna, quella a favore dei matrimoni gay, che sembrava persa in partenza e che invece oggi ha avuto un lieto fine. Nel giorno più caldo degli ultimi anni, la Corte Suprema della California ha ritrattato l'annullamento e dichiarato legali i matrimoni gay celebrati quattro anni fa. Quanto questo sia importante per la città può capirlo solo chi ci abita. Stasera siamo passati per Castro prima che la festa ufficiale iniziasse, tra bar affollati, aria di celebrazione e profumo di sere estive che non sentivo da quando sono tornata dall'Italia. Mangiavo le fragole appena comprate e mi sentivo leggera, come se il mondo si fosse tolto un piccolo peso dalle spalle. Magari tutti i giorni fossero così, magari ci fossero sempre così tanti colori e odori ad accompagnarci.

Etichette:

11 Comments:

  • At 6:51 AM, Blogger Baol said…

    Eppure non è che ci vuole molto :/

     
  • At 2:08 PM, Blogger fabio r. said…

    a frisco siete sempre avantissimi!!
    bravi.

    p.s. "passati per castro" non significa che sei andata a trovare il barbuto a cuba, did you??

     
  • At 3:07 PM, Blogger Aelys said…

    Ahahah! No, il barbuto non c'entra, Castro è il quartiere gay di San Francisco dove trionfano bandiere arcobaleno, bellissimi negozi e i ragazzi più carini e meglio vestiti della città. Per non parlare dei doppi sensi dilaganti: il sexy shop si chiama "Rock Hard", il ristorante italiano "The Sausage Factory" e così via...

     
  • At 3:58 PM, Blogger Moky said…

    Aelys, it's about time!! Finalmente! Mi ritorna sempre in mente questo scambio di battute tra Stephen Colbert e uno dei rappresentanti dell'associazione gay. SC"Gay marriages will destroy the marriage institution.." "No, gay people want to get married, it's the straight people who want to divorce and will destroy it!" .. Una cosa del genere!

     
  • At 4:34 PM, Blogger Crazy time said…

    le scale sono meravigliose.
    valeriascrive

     
  • At 1:12 PM, Blogger Gareth Jax said…

    ufff... mi vien voglia di tornare a visitare la città... (non che sia gay, ma mi manca l'atmosfera globale di S.F.)

     
  • At 9:03 PM, Blogger Alessia said…

    Era l'altro post, ma lo scrivo qui lo stesso, anche perchè, come sempre, ho delle comunicazioni di servizio:)
    Congratulazioni per la fine del corso!
    Bella la notizia sui matrimoni gay e sono anche felice di sentire che finalmente è arrivato un po' di caldo anche lì;)
    Sempre riguardo al mio viaggetto, non ti ho più fatto sapere nulla, perchè sto aspettando di registrarmi per il corso al college, appena so che giorni vado a scuola, compro il biglietto, ad ogni modo ci vediamo un fine settimana compreso tra il 7 giugno e il 10 luglio.

     
  • At 5:26 AM, Blogger Lucry said…

    ...e qui da noi, invece, il ministro delle pari opportunità ha appena negato il patrocinio al Gay Pride. Motivo: è inutile, in Italia non c'è discriminazione verso i gay!!
    No comment.

     
  • At 9:10 AM, Blogger Vita di mamma said…

    Hai ragione, un bel pezzo di sindaco!
    Sono contenta per i matrimoni gay. Alla base del matrimonio ci dovrebbe essere innanzitutto l'amore e quello non conosce genere, etá, tradizioni, imposizioni!

     
  • At 3:03 PM, Blogger Sara said…

    magari!

     
  • At 1:36 AM, Blogger rompina said…

    un saluto dal medioevo...sigh.

     

Posta un commento

<< Home