Games and the City

Vita a Los Angeles, videogiochi e tante altre cose che non c'entrano niente

16 settembre 2009

In realtà non me ne sono mai andata...


Ho ricevuto un paio di email preoccupate da parte di amici che abitano lontano e che non mi vedono su questo blog da un paio di mesi, perciò ho deciso di riprendere la tastiera per scrivere qualcosa... cosa esattamente non lo so nemmeno io. Se non aggiorno il blog da un pò di tempo non è perchè mi siano successe chissà quali disgrazie. Al contrario, se non scrivo è perchè non mi succede proprio nulla. La vita sedentaria e la mancanza di viaggi mi annoiano fino alla morte, ma è proprio quello che sta succedendo in questo periodo. Ovvio, ci siamo trasferiti da poco in una nuova città e stiamo ancora cercando di ambientarci e (soprattutto!) di comprare una macchina, cosa che renderebbe la nostra vita un pò più varia. Nell'attesa della svolta, però, facciamo vita di quartiere e di piscina. Non posso definirmi insoddisfatta, questo no, però mi manca la varietà di scenari e di umanità a cui San Francisco mi aveva abituata. Il nostro quartiere di Los Angeles è un pò troppo bianco e occidentale per i miei gusti, anche se fa quel che può per darsi una botta di varietà multiculturale (una sala da concerti coreana, un ristorante fusion indiano-messicano, un piccolo e carinissimo caffè giapponese all'angolo). In questa metropoli poco accessibile per un pedone ho perso anche i miei punti di riferimento quotidiani: non saprei proprio dove comprare cose banali come il lievito di birra, il guanciale per la carbonara o una ricotta che non abbia la consistenza dello Yocca. Lo so, ci vuole pazienza, ma io sono una persona notoriamente sprovvista di questa virtù. Di una cosa, però, posso dirmi completamente soddisfatta: gli italiani che ho conosciuto a L.A. danno decisamente una pista a quelli di San Francisco. Sarà che nella Bay Area erano quasi tutti un pò intellettualoidi e dotati di fenomenali borse di studio, quindi tutto sommato poco interessati all'amicizia con una giornalista freelance che scrive (orrore!) di videogiochi. Ora che anche Fabrizio si prepara a lasciare la Baia, mi sentirei veramente a corto di italiani interessanti da frequentare se vivessi ancora lì. Qui, invece, l'archetipo del ricercatore universitario viene sostituito da quello del cameriere aspirante attore. E' una categoria che non frequento, ma al di fuori di questo ambito ho conosciuto blogger e commentatori abituali con cui sono andata subito d'accordo. Ho visto disponibilità, gentilezza e voglia di frequentarsi senza che l'iniziativa partisse sempre da me, ho partecipato a conversazioni che si spingevano oltre la formalità delle solite domande come "Da quanto tempo vivi negli Stati Uniti? Come mai ti sei trasferita qui?". Ho visto la realtà quotidiana di persone che qui ci vivono e che stanno più o meno faticosamente cercando di costruirsi una vita, una carriera e una famiglia. Ho trovato supporto e voglia di aprirsi e mi sono sentita un pò più vicina a quella parte "buona" dell'Italia che un pò mi manca, soprattutto dopo aver dovuto saltare la classica visita annuale alla famiglia. Con queste basi credo che riuscirò a sopportare anche la temporanea mancanza di mezzi di trasporto propri (e su quelli pubblici prima o poi scriverò un post a parte, che ce n'è da raccontare!).

Etichette: ,

16 Comments:

  • At 1:30 PM, Blogger Baol said…

    Bentornataaaaaaaa!!!!!!!

     
  • At 5:34 PM, Anonymous Anonimo said…

    ecco, vediamo di incontraci ancora allora! :)

     
  • At 5:35 PM, Anonymous Anonimo said…

    il msg di prima era mio, valeriascrive :)

    e quelle della foto mi pare di conoscerle!

     
  • At 11:45 PM, Blogger La Strega said…

    Bentornata!
    :)

     
  • At 11:48 PM, Blogger Aelys said…

    Ma se non me ne sono mai andata, perchè mi dite bentornata?

     
  • At 3:39 AM, Blogger fabio r. said…

    ben rimasta allora! :-)

     
  • At 3:42 AM, Blogger Fra said…

    Ciao sono contenta di risentirti e sapere che se anche con qualche nota dolente, il trasferimento nella nuova città sta procedendo bene, soprattutto dal punto di vista umano.
    Un bacione
    fra

     
  • At 8:17 AM, Anonymous Anonimo said…

    AhhhAhhhh..che faccia da scema che ho!!!
    Rox

     
  • At 8:34 AM, Blogger La Strega said…

    ahahha, io te lo dico perchè sono ben tornati i tuoi post!
    ;)

     
  • At 10:34 AM, Blogger Moky said…

    ... a volte e' bello annoiarsi e "piscinarsi"!!
    Speriamo di vederci a marzo!!

     
  • At 7:25 AM, Blogger Vita di mamma said…

    Ragazze ma che bei sorrisi!!!
    Spero che proceda tutto bene. Comunque io sono curiosissima di sapere dei mezzi pubblici di Los Angeles :)

     
  • At 6:53 AM, Blogger nonsisamai said…

    bentornata! ti faccio tantissimi in bocca al lupo per la tua nuova avventura e ti dico che sinceramente in tre anni a dallas non ho ancora incontrato persone come quelle che descrivi, quindi -dai!- e' un buon inizio! :)

     
  • At 7:27 AM, Blogger Ilaria said…

    E vedi che di cose da dire ne avevi parecchie! Bentornata!!! Ma che ne e` stato del blog di cucina che volevi mettere su? Io sto aspettando impaziente anche quello!
    Un abbraccio,
    Ilaria

     
  • At 6:17 PM, Blogger Fabrizio Cariani said…

    Per fortuna che hai fatto un'eccezione per me, altrimenti davvero mi tiravi una freccia al cuore.

    Comunque ho gia' lasciato la Bay Area... pero' *mi manca un sacco*!!!!!

     
  • At 1:47 PM, Blogger ocean said…

    io spero tu scriva ancora, e nel frattempo recupererò i post vecchi. Sono "nuova" nel tuo blog, quindi non è che riesco a lasciarti un commento ad hoc, ma spero ci sarannmo altre occasioni. ciao laura/ocean

     
  • At 1:47 PM, Blogger ocean said…

    Questo commento è stato eliminato dall'autore.

     

Posta un commento

<< Home